Fabio Pedone al “Gas Analytics Workshop” il 30 giugno 2016

06/07/2016 03:33:00 | News

Accenture ha organizzato il workshop "Il nuovo sistema di bilanciamento"

Il nuovo sistema di bilanciamento a norma del Regolamento EU 312/2014 entrerà in vigore il 1° ottobre 2016, dopo il rinvio di un anno stabilito dalla Delibera 470/2015/R/gas. Lo stabilisce il Testo Integrato del Bilanciamento (TIB) approvato con Delibera 312/2016/R/gas. E’ tuttavia possibile che l’entrata in vigore possa essere ulteriormente posticipata nell’eventualità “non sussistano le condizioni a garanzia di unquadro generale di certezza circa le regole e le procedure operative”. In così poco tempo dalla pubblicazione del TIB, infatti, sono ancora tante le attività da porre in essere a carico dell’impresa maggiore di trasporto (Sanm Rete Gas) che svolge il ruolo di Responsabile del Bilanciamento, da parte del Gestore dei Mercati Energetici (GME) nonché della stessa Autorità per l’Energia Elettrica il Gas ed il Sistema Idrico (AEEGSI). Il nuovo Sistema di Bilanciamento pertanto entrerà in vigore, in via transitoria, nell’ambito del quadro di norme già esistente che tuttavia dovrà essere modificato al fine di renderlo coerente con la nuova disciplina. Il RdB dovrà altresì modificare il proprio codice di rete per adeguarlo alla nuova disciplina. In tutto ciò gli utenti del bilanciamento, ossia shipper e trader, dovranno ancora attendere per avere il quadro di regole certo al fine di adeguare al nuovo sistema le attività operative ed i relativi gestionali.

Il TIB integra la disciplina vigente in tema di bilanciamento ed abroga, a partire dall’entrata in vigore del nuovo sistema, le piattaforme PB-gas (G+1 e G-1). Gli operatori dovranno essere bilanciati “ex-ante”, ossia prima del termine del giorno gas G. Come fare? Il RdB fornirà a tutti gli utenti informazioni sullo stato della rete nel suo complesso nonché le previsioni per i giorni successivi. Inoltre, fornirà informazioni sui prelievi stimati ed effettivi relativi ai punti nella titolarità del singolo utente. Da queste informazioni ogni utente potrà stimare la propria “equazione di bilancio” ed effettuare le opportune azioni correttive, se necessarie. In pratica, potrà compravendere gas sulle piattaforme gestite dal GME che saranno i) la piattaforma MI-GAS, già esistente, per lo scambio di prodotti title; ii) il mercato organizzato dei prodotti locational; iii) mercato organizzato per la negoziazione di gas in stoccaggio. Questi ultimi due mercati, organizzati e gestiti sempre dal GME, devono essere creati ed integrati nella Disciplina del Mercato Gas. Naturalmente, l’utente potrà negoziare gas Over the Counter con registrazione al PSV o modificando le proprie immissioni in rete.

L’utente pertanto sarà responsabile del proprio sbilancio essendo penalizzato da un prezzo di bilanciamento sempre penalizzante. Se “corto” comprerà al prezzo maggiore tra il prezzo medio di mercato maggiorato di uno small adjustment ed il prezzo più alto offerto dal RdB; se “lungo” venderà il gas in eccesso al minore tra il prezzo medio di mercato al netto di uno small adjustment ed il prezzo più basso delle offerte del RdB.

Quest’ultimo, di conseguenza, assumerà un ruolo “residuale”. Tale affermazione non è del tutto vera considerato che sarà chiamato a mantere la rete in equilibrio fisico e pertanto sarà responsabile del bilanciamento di sistema. A tal fine sarà chiamato in primo luogo a compravendere prodotti standardizzati di breve periodo (title e locational) e solo in ultima analisi ad utilizzare i “servizi di bilanciamento” solo se necessari e previsti dal Codice di rete. Tuttavia, il TIB stabilisce che il RdB “può richiedere alle imprese di stoccaggio la modifica dei flussi fisici rispetto al valore aggregato delle nomine” …”le eventuali differenze tra i quantitativi misurati nei punti di interconnessione con gli stoccaggi e i quantitativi programmati dagli utenti e dal RdB sono regolati nel giorno successivo nell’ambito del mercato organizzato per la negoziazione di gas in stoccaggio”. Significa di fatto consentire al RdB di bilanciare il sistema senza intervenire sui prezzi di bilanciamento alterando il corretto funzionamento del mercato infragiornaliero. Data la neutralità del RdB il regolatore ha stabilito un meccanismo di premi/penalità basato su tre indicatori finalizzati ad incentivare il RdB ad assumere un comportamento efficiente sul mercato e a non “abusare” della possibilità di modificare i flussi fisici da/versi stoccaggio per il bilanciamento fisico della rete.

Nel complesso dei cambiamento dei mercati si inseriscono i nuovi e necessari meccanismi di riformulazione delle nomine di trasporto e stoccaggio. Gli utenti avranno la possibilità di riformulare il proprio programma di trasporto e/o stoccaggio con cadenza oraria, durante il giorno gas, al fine di bilanciare la propria posizione. Tali meccanismi, in particolare quello dello stoccaggio, si inseriscono a loro volta nel processo di gestione delle capacità di stoccaggio che, per risolvere il problema delle “congestioni”, è in fase di modifica. È ancora in corso una consultazione con la principale impresa di stoccaggio per la gestione delle aste Day Ahead e l’overnomination nel giorno di gas G.

Il nuovo sistema di bilanciamento è certamente complesso e richiede uno sforzo importante in termini di risorse e conoscenze. Ci auguriamo che l’entrata in vigore, seppur non a norma del Regolamento comunitario, consenta a tutti il giusto “periodo di apprendimento” durante il quale tutti gli operatori – non solo gli utenti - possano eseguire una fase di test.

Email Share to Facebook Share to Twitter Share to Google+ Share to Pinterest Share to Linkedin