Detrazioni per riqualificazione energetica per l’anno 2017: cosa c’è da sapere

19 Dicembre 2017

Anche quest’anno sono state previste delle detrazioni fiscali per il risparmio energetico, con un’estensione anche ai condomini, arrivando dal 70% al 75% di detrazione Irpef. L’Agenzia delle Entrate, inoltre, ha prodotto una guida alle detrazioni fiscali, per permettere ai cittadini di essere completamente aggiornati sull’Ecobonus 2017 e sapere come muoversi.

Che cos’è l’Ecobonus

È molto importante comprendere alcuni elementi fondamentali relativi all’Ecobonus, vale a dire in cosa consiste la detrazione fiscale e come beneficiarne. Nello specifico, è possibile richiedere un’agevolazione fiscale per tutte le operazioni riguardanti l’efficientamento energetico della propria abitazione o del condominio in cui si vive. A partire, poi, dal 2018, salvo imprevisti, le detrazioni relative al risparmio energetico saranno pareggiate ai bonus ristrutturazioni per il 2017, arrivando al 36%. Se tali spese interessano l’involucro dell’edificio nella sua totalità, si potrà allora arrivare al 70% ed al 75% se la riqualificazione è volta ad un risparmio energetico sia estivo che invernale.

Le percentuali di detrazione

Le novità introdotte nel 2017 riguardano la proroga della detrazione Irpef ed Ires, detrazioni più alte per la riqualificazione energetica, i beneficiari e le modalità di cessione del credito. Precisamente, consentono di:

  • ottenere il 65% delle detrazioni gli interventi destinati al miglioramento di un edificio dal punto di vista termico, ad esempio lavori sui pavimenti e gli infissi;
  • gli impianti di climatizzazione invernale;
  • interventi di domotica;
  • altri interventi di ristrutturazione edilizia per il 2017.

Oltre a ciò, è possibile ottenere il 65% di detrazione fiscale anche alle spese relative alle parti comuni di condomini o che riguardano il condominio per intero, sostenute dal 2013 al 2021. La detrazione del 70 o 75% è invece destinata ai casi di cui si è già detto. Nel caso in cui, invece, si decida di installare pannelli solari, è necessario rispettare determinate condizioni inerenti il termine di garanzia e la conformità alle norme europee.

Quando richiedere l’Ecobonus

I beneficiari delle detrazioni sono tutti i cittadini, anche titolari di reddito d’impresa, che attuino dei lavori di riqualificazione energetica. La detrazione Irpef ed Ires del 75% può essere richiesta anche per lavori su edifici residenziali già esistenti, da testimoniare per mezzo dell’iscrizione al catasto o ricevuta del pagamento di imposte quali l’Imu e l’Ici. In questo caso, si possono detrarre le spese relative alle prestazioni professionali così come quelle per gli interventi edili. In tutti i casi, il rimborso avviene tramite rate spalmate su un periodo di dieci anni. Per ottenerlo, è necessario inviare entro 90 giorni dal completamento dei lavori una scheda con tutte le informazioni riguardanti gli interventi di riqualificazione effettuati all’Enea.