Il condizionatore: costi e risparmio

15 Dicembre 2017

Chi di noi, nelle afose giornate delle estati italiane, non è corso con gioia a casa con in mente il pensiero di andare finalmente a rilassarsi nell’atmosfera fresca generata dal proprio condizionatore? Ebbene sì, lo abbiamo fatto davvero tutti. Allo stesso tempo però tutti, o comunque molti di noi, magari proprio nel momento in cui ci stavamo crogiolando con più soddisfazione in quel microclima fresco e ristoratore creato nella nostra abitazione, ci siamo anche chiesti quale fosse effettivamente il consumo del condizionatore.

Ma quanto consuma un condizionatore?

Il consumo di un condizionatore elettrico dipende da fattori vari, come accade d’altronde per il consumo degli elettrodomestici in genere, che esulano dal semplice costo dell’energia elettrica e dal tempo che il condizionatore viene tenuto in uso. Tra i fattori che influenzano il costo del condizionatore vi sono, ad esempio, il modello del condizionatore stesso: se siamo in possesso di un condizionatore con tecnologia inverter, che riesce a regolare la potenza basandosi su quella che è la temperatura interna al momento, allora il consumo sarà sicuramente più basso. D’altronde, dal 2013 i vecchi condizionatori non sono più in commercio, ed è quindi possibile comprare solo i cosiddetti inverter. Il risparmio di questi ultimi è notevole: il consumo di un condizionatore inverter 12000 è alto all’accensione della macchina perché parte alla potenza massima in modo da portare subito l’ambiente alla temperatura che si preferisce, per poi ridursi notevolmente mantenendo la temperatura costante.

La valutazione della classe energetica e i climatizzatori portatili

Per capire quanto il nostro condizionatore andrà a consumare approssimativamente, è necessario conoscerne la classe energetica. Nel comprare un nuovo condizionatore, è bene prestare attenzione all’etichetta energetica: è consigliabile, infatti, scegliere la classe A+++, più efficiente dal punto di vista energetico, anche se comunque si varia da modello a modello. Attualmente, per comprare dei condizionatori a basso consumo che consentano il massimo risparmio in termini di consumo, la cifra da spendere si aggira intorno ai 4.000€.

Il consumo del climatizzatore, comunque, varia anche a seconda dell’ambiente in cui è collocato: a influenzarne le prestazioni, infatti, sono anche il tipo di edificio, le variazioni climatiche, la coibentazione e molto altro ancora. Una buona alternativa, che consente di risparmiare molto sull’installazione, è quella dei climatizzatori portatili: il consumo di un condizionatore portatile medio per due mesi in estate per tre ore al giorno è di circa 126 kWh.