Come rateizzare la bolletta del gas

13 Luglio 2018

Quando la bolletta del gas appena ricevuta ci pare eccessivamente salata, la prima mossa da fare è cercare di capire quali siano le cause del rincaro. Fra le ragioni più comuni troviamo, di solito, un conguaglio del gas, una modifica delle tariffe gas da parte del nostro gestore o, magari, un malfunzionamento del contatore che ha prodotto un calcolo errato.

Rateizzare una bolletta del gas molto alta può essere un modo per evitare un esborso considerevole e dilazionare il pagamento nel tempo, ma occorrono certi requisiti per poterlo fare. Per cominciare, se si è in regime di maggior tutela, il tutto è disciplinato da norme ben precise. In ambito di libero mercato. invece, ogni gestore può prevedere regole differenti.

Ma vediamo, di seguito, chi ha diritto di rateizzare la bolletta del gas all'interno del regime di maggior tutela:

  • Chi abbia ricevuto una bolletta di conguaglio il cui importo sia superiore al doppio della bolletta più alta pagata nel periodo di riferimento
  • Chi, a causa di un contatore malfunzionante, si veda addebitare consumi non registrati in precedenza
  • Chi, in caso di una o più mancate letture del contatore, riceva una bolletta con il costo gas effettivo per il periodo di riferimento
     

Rateizzare bolletta gas: ecco come fare

Appurato il diritto al pagamento rateale, è necessario procedere alla richiesta entro 30 giorni dall'emissione della bolletta. E per farlo, è sufficiente seguire le istruzioni presenti nella parte finale della bolletta stessa. Di norma, tutta la procedura si può eseguire online. Altrimenti, attraverso il numero verde che ogni gestore mette a disposizione della propria clientela.

Per chi si trovi in regime di maggior tutela, invece, il pagamento segue regole molto precise. Il numero delle rate, infatti, equivale a quello delle bollette ricevute nel periodo a cui fa riferimento il conguaglio e l'importo mensile da pagare sarà sempre lo stesso. Ovviamente, ci saranno degli interessi, in base alla durata della rateizzazione. Per quel che riguarda il mercato libero, invece, non esiste una normativa di riferimento e, come per i requisiti base, ogni gestore deciderà il proprio personale approccio.

Bolletta del gas: offerte per tenerla sotto controllo

Rateizzare la bolletta gas può rivelarsi davvero un'ottima mossa. Ma si tratta di una situazione straordinaria dovuta, di solito, ad un conguaglio oneroso. Se vogliamo mettere in moto un circolo virtuoso che ci conduca ad un risparmio costante mese dopo mese, dobbiamo scegliere con attenzione la tariffa giusta. Confrontare le offerte dei vari gestori ed il prezzo che ciascuno applica per metro cubo di gas consumato, è di vitale importanza. Ma non solo: all'interno del libero mercato non sono rari ulteriori sconti in bolletta per chi paghi online con carta di credito e bonus di benvenuto. Per non parlare dei gestori che bloccano i prezzi per 12 o 24 mesi o magari offrono la possibilità di azzerare la bolletta.

Le buone abitudini che fanno la differenza

Fra le tariffe gas migliori, una volta scelta quella giusta per noi, rimane un ulteriore margine per limare ancora di più le spese, ovvero mettere in atto alcune buone abitudini quotidiane. Considerato che la fonte principale di consumi è l'impianto di riscaldamento, sarà sufficiente utilizzare al meglio il cronotermostato, impostando l'accensione e lo spegnimento in modo da evitare sempre il funzionamento notturno. Inoltre, è sempre bene mantenere la temperatura entro i 19 gradi e regolare al minimo le valvole termostatiche nelle stanze poco usate. Per quel che riguarda l'utilizzo di acqua calda, sarà sufficiente limitarlo e, magari, montare in bagno un docciatore in grado di contenere il getto dell'acqua. In cucina, invece, consigliamo sempre l'utilizzo di pentole della giusta dimensione e dotate di coperchio che renda la cottura più veloce. Infine, anche spegnere la fiamma qualche minuto prima di togliere la padella dal fuoco, avrà un impatto positivo in bolletta.