Auto ibrida: quando conviene acquistarla e perché

08 Ottobre 2018

Se spesso ti sei ritrovato a fare i conti con i normali veicoli da città e hai pensato che hanno più contro che pro (uno tra tutti: il dannoso dispendio di energia, che causa inevitabilmente danni permanenti all’ambiente) allora forse è giunto il momento di pensare di acquistare un’auto ibrida.

La tecnologia delle auto ibride

Iniziamo con il dare una definizione e a spiegare il funzionamento dell’auto ibrida: l’auto ibrida è un mezzo di trasporto che funziona grazie a due componenti fondamentali: un motore termico ed un motore elettrico. Questi due si aiutano a vicenda nel funzionamento del veicolo e ne permettono il funzionamento tramite la loro collaborazione, creando così un motore ibrido nel suo insieme.

Tipologie di auto ibride

Sul mercato Italiano ci sono diversi tipi di macchine ibride, per prime le dette ibride leggere, con un uso parziale del motore elettrico, che entra in funzione sono in assistenza di quello termico, non facendo però da traino al veicolo. Le micro-ibride si trovano nel mezzo, cioè prevedono un supporto al motore elettrico solo parziale, sono quindi ibride a percentuale ridotta. Le ultime sono invece le ibride complete; esse sono ad uso elettrico in modo totale. Il loro motore è interamente elettrico e fa da traino al veicolo in modo autonomo.

Auto ibrida: quando non conviene e quando conviene acquistarla?

L’auto ibrida ha diversi vantaggi e svantaggi, che si basano su diversi fattori. Quando si parla di ambienti urbani, dove la vita è frenetica a partire dagli spostamenti in auto, l’auto ibrida è una soluzione conveniente al 60%. Parametro che le annovera il primato nei centri cittadini come comodità e convenienza. Il 60% è propriamente il risparmio di energia rispetto ad un’auto normale, quindi a benzina o diesel. Oltre bassissimo impatto ambientale che si va ad ottenere. Nel caso fosse necessaria un ulteriore spinta è comunque possibile ricorrere all’uso di entrambi i motori.

Tra gli svantaggi invece bisogna tenere presente il consumo dell’auto ibrida, relativamente proporzionale al peso dell’auto. Quest’ultimo è di larga misura nella maggior parte dei modelli, il motivo sta nel fatto che un’auto ibrida, deve contenere batterie supplementari, insieme al motore standard, tutte e due in un solo complesso. L’ammontare dei pesi quindi sarà superiore alla norma e questo può andare ad influire sul consumo. Il traino di carico maggiore prevede una emissione di energia in più, quindi un consumo più alto.

Le batterie inoltre, come base del sistema ibrido, non sono illimitate, esse esigono infatti di essere ricaricate con alta frequenza dopo un utilizzo medio e prolungato, un secondo motivo di svantaggio per il mezzo alternativo. I nuovi modelli di auto ibride sono in continuo miglioramento sotto questo punto di vista. I nuovi modelli del 2018 infatti prevedono batterie ricaricabili completamente in 2 ore e 45.

 Per ultimo poi, è da segnare che l’auto ibrida non conviene quando si ha la necessità di spostarsi su largo tragitto, in strade extraurbane e per viaggi o gite fuori porta. Potrebbe infatti non essere in grado di supportare un ammontarsi di tempo di azione al quale il motore elettrico, anche se supportato, non sarebbe in grado di affrontare.

Per fare del turismo sostenibile l’auto ibrida è sicuramente un punto di forza sul quale puntare, oltre ad un vantaggio notevole: la praticità del suo utilizzo urbano, in situazioni di traffico e piccoli spostamenti, la rendono il mezzo perfetto per un turista in visita.

Prezzi e convenienza delle auto ibride

Quando si parla di convenienza o meno dell’auto ibrida non si può tralasciare un ragionamento sui prezzi.

Questi variano dai modelli di ultima generazione con un tetto di 100mila euro, fino a la media concorrenza che oscilla in prezzi fra i 25mila euro e i 40mila euro. Il costo dipende molto, oltre al brand di appartenenza, dal consumo e dall’efficienza in termini di batteria del mezzo. Per fare un esempio: il modello meno caro è quello prodotto da Toyota con la sua Toyota Yaris, che può essere acquistata ad un prezzo di 18.700 euro.

Esistono però dei vantaggi fiscali non di poco conto quando si parla di auto ibride e di convenienza, come l’esenzione per alcuni anni dal pagamento del bollo, opzione che varia a seconda delle regioni.